Pizzo a imprenditore, sei arresti

Imponevano il pagamento del pizzo a un imprenditore che sta effettuando i lavori di posa della fibra ottica. La squadra mobile di Enna, in collaborazione con quella di Catania, ha arrestato sei persone nell'ambito dell'operazione denominata Capolinea. In manette sono finiti esponenti della famiglia mafiosa di Enna e dei clan catanesi Santapaola-Ercolano e Cappello-Bonaccorsi, che avrebbero imposto il pagamento del pizzo a un imprenditore ennese che svolgeva lavori nel Siracusano e Catanese e in alcuni quartieri del capoluogo etneo. Sarebbero stati i referenti della mafia catanese, in accordo con un esponente della famiglia di Enna, a convincere l'imprenditore a sottostare all'estorsione e non sporgere alcuna denuncia. L'estorsione sarebbe proseguita se non fosse stata bloccata dall'arresto degli indagati che avevano già prospettato azioni violente qualora la vittima dell'estorsione non avesse pagato. L'ordinanza d'arresto è stata emessa dal Gip di Caltanissetta, su richiesta del pm Roberto Condorelli.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Seguo News
  2. Seguo News
  3. Seguo News
  4. Palermo Repubblica
  5. Grandangolo Agrigento

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Mazzarino

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...